Frutta Surgelata: come utilizzarla in cucina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google

Condividi su

La frutta surgelata è perfetta per l’uso in cucina per 2 motivi fondamentali: 

  1. Possiamo utilizzarla anche quando non è di stagione, come base per varie ricette di dolci;
  2. Per avere a disposizione mix già pronti e non facilmente reperibili.

In più, dona un tocco speciale di sapore e dolcezza a gelati, frullati e creme di vario tipo.

Di seguito, alcuni consigli per utilizzare la frutta surgelata per dolci e per altre squisite preparazioni, nelle sue varianti più gustose: frutti di bosco e frutta tropicale.

Come fare la salsa con frutti di bosco surgelati per dolci

La salsa con frutti di bosco è una base perfetta per i dolci e consente di preparare tante ottime ricette e guarnire cheescake, torte, crostate, millefoglie, ma anche base ideale per budini o condimento prelibato per il pancake.

Potete scegliere di realizzarla vellutata o meno densa, con pezzetti di frutta o più liquida, in base alle preferenze.

Come si prepara la salsa con frutti bosco o frutta tropicale

La difficoltà di preparazione per questo tipo di salse e creme con frutti di bosco surgelati e frutta tropicale è bassa e richiede pochi minuti per la cottura della frutta; per i frutti di bosco occorre procedere prima di tutto con la cottura a 100° per circa 2 minuti dopo averli accuratamente scongelati in frigo per almeno 5-6 ore.

 

Per la frutta tropicale non è necessaria la cottura, basta scongelarli e continuare con la preparazione.

 

Ingredienti per la salsa ai frutti di bosco

 

Ingredienti per la salsa con frutta tropicale

 

Inserite i frutti di bosco in un pentolino antiaderente, unite lo zucchero e il limone, facendo attenzione a separare i semi di quest’ultimo con un colino. Cuocete per circa 10 minuti a fuoco lento, girando spesso il composto.

Per una salsa più vellutata: a fornello spento potete frullare la salsa con un mixer a immersione per 1 o 2 minuti;

Per una salsa più liquida: oltre a frullarla, potete aggiungere un cucchiaio d’acqua e girare.

Per una salsa con più pezzetti di frutta: non usate il mixer oppure azionatelo per pochi secondi.

Infine, conservare la salsa dolce con frutta surgelata in un vasetto opportunamente sterilizzato (facendolo bollire per qualche minuto), chiudendolo ermeticamente e mettendolo sottosopra per il sottovuoto; dopo averlo fatto raffreddare, riponetelo in frigo per massimo una settimana.

Nella preparazione, potete sostituire i frutti di bosco con la frutta tropicale.

La base per dolci con frutta surgelata può essere usata a piacimento per le più disparate ricette: yogurt, gelati, torte, muffin e creme.

La base per dolci con frutta di bosco surgelata è perfetta anche per preparare cheescake e tiramisù in barattolo: basterà alternare i vari strati di biscotti (tipo pavesini preferibilmente, oppure quadratini di pan di spagna fatti da voi) con panna o crema chantilly e salsa ai frutti di bosco o fantasia tropicale, bagnando leggermente il biscotto con un velo di acqua e rhum e riponendo il barattolo in frigorifero almeno per 5 ore, per compattare il dolce.

Consigli per lo zucchero: Si può sostituire con lo zucchero di canna, che dà un sapore più caramellato (per via della melassa).

Il consiglio dello chef: La salsa ai frutti di bosco o con frutta tropicale può inoltre essere “aggiustata” con un cucchiaino di rhum, porto o malvasia, in base ai gusti, che danno un aroma speciale alle varie preparazioni.

Frutta surgelata per marmellata

La frutta surgelata si può usare in questo identico modo anche per preparare marmellate casalinghe prelibate, quando non si trovano i frutti freschi.

La ricetta è simile a quella della salsa; si possono unire in un pentolino i frutti di bosco ancora surgelati (che rilasceranno la loro acqua senza disperdere sapore e nutrienti) con lo zucchero portando il tutto ad ebollizione e girando con un cucchiaio.

A questo punto cuocete per 20 minuti continuando a mescolare e, a cottura terminata, fate la “prova cucchiaino”.

Prendete un cucchiaino di marmellata e provate a farla scivolare; in base alla densità raggiunta scivolerà più o meno lentamente. Se la marmellata è abbastanza densa da non cadere subito dal cucchiaino vuol dire che è pronta.

Inseritela subito in un barattolo pulito e sterilizzato, chiudete il coperchio e mettetelo a testa in giù per favorire il sottovuoto.

Frutta surgelata per gelati: come si prepara

In estate il gelato con frutti di bosco o con frutta tropicale sarà particolarmente apprezzato ed energico, oltre ad essere una vera e propria delizia per il palato.

Ecco come prepararlo:

A scelta, potete decidere se preparare il gelato con frutti di bosco oppure con la frutta tropicale; il sapore sarà diverso ma sempre irresistibile: quello ai frutti di bosco sarà più intenso e dal profumo avvolgente e ovviamente molto colorato.

Il gelato con frutta tropicale avrà un colore che verterà sul giallo – arancio e un sapore molto fresco e dolce, per via dell’alta percentuale di zuccheri presenti nella papaya.

Come si prepara il gelato con frutta tropicale e frutti di bosco:

Potete usare una delle due basi secondo il tipo di gelato che desiderate.

Se disponete di una gelatiera o di un robot da cucina, inserite la base ai frutti di bosco precedentemente sbollentati o alla frutta tropicale assieme al latte (quanto basta) con 30 g di zucchero e frullate a intermittenza, fino a ottenere il grado di consistenza desiderato (più o meno cremoso). Se il gelato è fatto col robot da cucina va messo in frigo per un’oretta, dopo di che ha la tendenza a indurirsi. Altrimenti potrete conservarlo anche per più tempo.

Per fare i ghiaccioli usando la base con frutti di bosco (previa cottura) o frutta tropicale, è sufficiente frullarli con acqua e la stessa quantità di zucchero per poi inserirli negli appositi stampini facendoli congelare. È possibile realizzare in questo stesso modo dei cubetti di ghiaccio con la frutta surgelata, ad esempio per dei cocktail fantasiosi.

Frutta tropicale per frullati

La frutta surgelata è perfetta anche per la preparazione di frullati.

Si può usare sia la base che abbiamo preparato per i dolci con frutti di bosco e frutta tropicale, sia procedere con una preparazione ad hoc, facendo scongelare i frutti e inserendoli direttamente nel frullatore assieme a latte e zucchero.

Se si è a dieta, ovviamente, si può anche non inserire lo zucchero, poiché la frutta surgelata ha già il suo contenuto di zuccheri naturali (fruttosio), così come il latte (lattosio).

Il latte può essere sostituito con una bevanda vegetale, come il latte d’avena, di mandorle, cocco, riso o altri tipi in base alle preferenze. Per un frullato fresco e cremoso, potete aggiungervi un po’ di yogurt bianco e tenerlo per 15 minuti in freezer o per un’oretta in frigo.

I frullati con frutta surgelata, possono essere preparati con tantissime varianti: vi si può aggiungere alla fine della frutta secca come mandorle e noci di macadamia; oppure dello zenzero fresco, che ha anche un ottimo potere digestivo.

La frutta surgelata per crema: un grande classico in infinite varianti

Come si prepara la crema con la frutta surgelata (frutti di bosco o frutta tropicale):

Preparare come di consueto la crema pasticcera con 500 gr di latte (da sostituire preferibilmente con latte vegetale o latte scremato), 130 g di zucchero, 30 g di farina, dai 3 o 4 tuorli di uovo (anche meno o senza per una crema più leggera) e la buccia di un limone o di un’arancia, in base ai gusti. Fate scaldare il latte in un pentolino con la buccia di limone.

In una terrina a parte, mescolate la farina con lo zucchero e i tuorli d’uovo creando un composto cremoso che verserete nel pentolino quando il latte sarà caldo, eliminando la buccia di limone e continuando a mescolare fino ad ottenere una consistenza cremosa.

Ultimata la cottura, aggiungete la salsa ai frutti di bosco precedentemente preparata oppure la frutta tropicale per la crema, in base al dolce che volete realizzare. Il consiglio è di aggiungerla a temperatura ambiente.

Se desiderate una crema senza grumi e molto vellutata, inserite tutto in un robot da cucina.

Entrambe le basi di frutta surgelata per crema andranno benissimo per crostate, dolci in coppa, millefoglie e torte che potrete poi guarnire con panna e frutta fresca o sciroppata, a piacimento.

Il consiglio dello chef: poiché la base per la crema con frutta surgelata è già dolce di suo, eliminate lo zucchero dalla crema oppure riducetelo a 15 grammi.

Referenze:

Potrebbe piacerti anche: