Funghi che passione! Proprietà nutrizionali, benefici e macronutrienti essenziali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google

Condividi su

I funghi sono ricchi di micro e macronutrienti, fibre e grassi essenziali che li qualificano come un alimento prezioso per la salute. Ma non solo.

I funghi rappresentano l’alimento perfetto per preparare ricette gourmet: dalle creme alle zuppe, magari il tutto accompagnato con crostini fatti in casa oppure per primi piatti protagonisti della tradizione culinaria italiana come le tagliatelle o il risotto. Come resistervi?

Impossibile, semplicemente. Oltre al gusto, scopriamone gli aspetti salutari.

Funghi, fusione di leggerezza e gusto

Appartenenti al regno dei Miceti (Mycetae), i funghi (dal latino Fungi) commestibili sono rigorosamente controllati dagli ispettorati micologici delle ASL prima di essere immessi sul mercato in totale sicurezza.

Ottimi in tutte le salse e le modalità di preparazione, i funghi possono essere gustati sia dagli appassionati sia da chi vuol restare in forma senza fare troppe rinunce. Una caratteristica importante di questo gustoso alimento è la leggerezza, 100 grammi della nostra Fantasia di Funghi contengono, infatti, solo 17 Kcal e 0,2 grammi di grassi!

I macronutrienti essenziali dei funghi

I funghi sono perfetti per chi desidera dare un apporto di proteine ai pasti senza rinunciare agli altri nutrienti, nelle diete vegetariane e vegane* o semplicemente come contorno o primo piatto appetitoso ma ipocalorico, unito a riso e pasta.

Sono fonti di fibre e di grassi essenziali. Tra i macronutrienti fondamentali il grasso, ricco di acido linoleico è di fondamentale importanza per regolare i fenomeni infiammatori e relativi alla pressione sanguigna. Le fibre, invece, apportano benefici allo stomaco, stimolando il transito intestinale.

I micronutrienti dei funghi

Come evidenzia l’Istituto Clinico Humanitas, fra i micronutrienti, i funghi sono ricchi di vitamina A, B1, B2, B6, C, D, K, PP e di minerali essenziali come potassio, fosforo, calcio, magnesio, ferro, silicio, selenio, manganese.

Un cocktail di nutrienti essenziali che rende i funghi un prezioso alleato per la salute e non solo un’appetitosa alternativa da mettere in tavola.

Difatti ognuno di questi nutrienti favorisce il benessere del nostro organismo: oltre alle fibre, che contribuiscono a mantenere pulito il colon, calcio, fosforo e vitamina D sono necessarie per la salute di ossa e denti; le vitamine A e C, poi, hanno un’azione antiossidante e quelle del gruppo B favoriscono il corretto funzionamento del metabolismo, con la vitamina K attiva nel coagulamento del sangue.

Macronutrienti dei funghi simili agli ortaggi

Come per gli altri nutrienti, il contenuto delle fibre, varia in base alla specie, col tartufo nero in prima posizione; mentre per i minerali il primato spetta al potassio, ricco negli champignon, seguito da ferro, selenio, zinco, fosforo, manganese e calcio.

Su tutti, a vincere sono vitamine e antiossidanti, con effetti benefici sul sistema immunitario, grazie anche alle proprietà antibatteriche; le fibre e l’alto contenuto d’acqua, unito a vitamine, antiossidanti (utili anche per il rinnovamento cellulare) e minerali, ne fanno un alimento ideale nelle diete detox*, che sono spesso associate al passaggio da una stagione all’altra: nei funghi, c’è la grande assente nei cibi vegetali ovvero la Vitamina B12, detta anche cobalamina, utile nella cura delle anemie.

Funghi e selenio, un matrimonio di salute

Il Selenio è un minerale essenziale per il corpo umano ed è presente in elevata quantità nei funghi porcini.

I suoi nutrienti sono una parte importante degli enzimi antiossidanti che proteggono le cellule dagli effetti dei radicali liberi, prodotti per il normale metabolismo dell’ossigeno.

Il corpo umano ha sviluppato una serie di enzimi antiossidanti per controllare i radicali liberi che possono danneggiare le cellule e prevenire la sviluppo di malattie croniche. Il selenio è anche essenziale per le normali funzioni del sistema immunitario e della ghiandola tiroidea.

Gli alimenti vegetali sono la principale fonte dietetica di selenio nella maggior parte dei paesi del mondo. La quantità di selenio che si trova nel suolo varia da regione a regione e determina anche la quantità di selenio negli alimenti vegetali coltivati ​​in quel suolo.

Gli studi sul consumo dei requisiti di selenio per l’uomo in una dieta quotidiana equilibrata (RDA) e per l’attività normale portano a valori uguali per uomini e donne adulti (studio sulla dieta totale, US Food and Drug Administration, 1982-86). Questo valore è fissato a 55 μg (microgrammi) per uomini e donne. 10g di funghi porcini con 5 mg/kg di selenio forniscono quindi 50 μg di Se, praticamente la dose giornaliera.

Il selenio contenuto nei funghi è anche un grande alleato per la salute di unghie, denti e capelli, mentre tutte le vitamine del gruppo B sono benefiche per il sistema nervoso, per contrastare l’anemia e prevenire problematiche a carico delle ossa come l’osteoporosi e del sistema cardio vascolare, evitando l’accumulo di colesterolo cattivo nel sangue.

* Dati dell’Istituto Clinico Humanitas

* Tuttavia, prima di cominciare qualsiasi dieta, è sempre necessario rivolgersi al consiglio esperto del proprio medico nutrizionista per capire come e se inserire i funghi nella propria dieta in maniera equilibrata, in quanto le informazioni qui riportate non intendono sostituirsi al parere del medico.

Se sei alla ricerca di sapori genuini e naturali, con la nostra Fantasia di funghi puoi preparare tante ricette gustose:

Potrebbe piacerti anche: