Fusilli con ‘nduja, funghi e mandorle

8 mesi ago  •  By  •  0 Comments

Passatemi il termine ‘goduriosa’ ma questo primo piatto a base di funghi e ‘nduja lo è davvero. L’ho ideato qualche giorno fa, quando, tornando a casa una sera apro il frigo e…..il deserto dei tartari si è presentato davanti ai miei occhi!!! E’ già signori, anche alle food blogger a volte capita di avere il frigorifero vuoto!

Gli unici superstiti in quella ‘valle di lacrime’ erano un pezzo di ‘nduja reduce dai cesti natalizi, uno yogurt, un pezzo di formaggio e del finocchietto fresco.
No panic! Una soluzione si trova sempre, basta aprire congelatore e dispensa e vedere cosa si ha.
Consiglio per voi: quando pensate di non avere nulla in casa, e il panico si impossessa di voi, prima di decidere di uscire a cena o di ordinare un delivery, guardate bene la vostra dispensa o il vostro congelatore, c’è sempre, e dico sempre, qualcosa di cui non ricordate assolutamente l’esistenza che potrebbe salvarvi la cena o il pranzo.

Momento consiglio da casalinga disperata finito.

Torniamo alla creazione istantanea di questo piatto. Visionato il congelatore ho trovato loro, i funghi de La Valle degli Orti, già puliti e tagliati pezzi (fantastico penso io!). Apro la dispensa e c’è la mia immancabile e amatissima pasta e vedo anche una confezione di mandorle bio. Ottimo penso, il primo è presto fatto: pasta con ‘nduja, funghi e mandorle.

Ma voi conoscete la ‘nduja vero?! O leggendo vi state chiedendo ‘cos’è la ‘nduja’?
Breve recap culinario.

La ‘nduja, è un insaccato tipico calabrese, un salame a pasta morbida, molto molto piccante che si produce nel sud Italia ed in particolare in Calabria, dove trova la sua origine. Gli ingredienti della ‘nduja sono principalmente tagli semplici del maiale, come pancetta, guanciale e il lardo ricavato da spalla, coscia e sottopancia, che vengono tritati insieme ad abbondante peperoncino fino ad ottenere una pasta morbida. Il suo colore rosso vivo deriva proprio dal peperoncino che oltre a conferirgli questa colorazione, ne permette la conservazione.

Come si mangia la ‘nduja? Semplicemente spalmata su una fetta di pane, oppure come ingrediente ausiliario di altre preparazioni. Come avrete capito da questa ricetta a me piace moltissimo con la pasta, ma in piccole dosi potete usarla anche per accompagnare la carne.
Come vi ho scritto poco fa, la grande quantità di peperoncino e sale che contiene, ne consentono la conservazione, quindi non sono richieste particolari accortezze per la sua conservazione, potete tranquillamente coprirla con della pellicola e conservarla in frigorifero.

E adesso siete pronti a scoprire come preparare questa pasta con ‘naduja, funghi e mandorle?

  • Tempo di preparazione: 5 minuti
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Occorrente: una padella media antiaderente, una padella piccola antiaderente, una pentola, un tagliere
  • Tipologia ricetta: primo piatto di carne
  • Stagione: autunno / inverno

Ingredienti per 2 persone:

  • 180 g di fusilli
  • 25 g di ‘nduja
  • 200 g di funghi La Valle Degli Orti
  • 20 g di mandorle
  • 1 cucchiaio di finocchietto fresco tritato

..e poi, olio extra vergine d’oliva, uno spicchio di aglio, sale e pepe nero.

Preparazione:

  1. In una padella antiaderente mettere olio extra vergine d’oliva e uno spicchio di aglio in camicia. Appena sarà caldo unire i funghi e lasciar cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti. Regolare di sale e pepe. Se necessario, durante la cottura aggiungere un filo di acqua calda per evitare che si attacchino.
  2. In una padella antiaderente mettere olio extra vergine d’oliva e uno spicchio di aglio in camicia. Appena sarà caldo unire i funghi e lasciar cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti. Regolare di sale e pepe. Se necessario, durante la cottura aggiungere un filo di acqua calda per evitare che si attacchino.
  3. Portare ad ebollizione abbondante acqua e mettere in cottura la pasta salando l’acqua.
  4. Quando la pasta è quasi cotta aggiungere la ‘nduja ai funghi insieme ad un goccio di acqua di cottura e lasciar sciogliere.
  5. Scolare la pasta (conservando un po’ dell’acqua di cottura che dovrete usare se la pasta dovesse risultare troppo asciutta), e unirla al sugo di funghi e ‘nduja. Saltare bene fin quando si sarà ben condita. Togliere dal fuoco, impiattare e terminare con una spolverata di mandorle tritate e finocchietto.

Roby Sushi